Regio
Le problematiche identitarie regionali
Aggregatore Risorse

null Longo Alessandro, Dalla scuola al servizio civile digitale, ecco come digitalizzare l’Italia

Longo Alessandro, Dalla scuola al servizio civile digitale, ecco come digitalizzare l’Italia

RASSEGNAPubblicato il 29/12/2020

C'è un primo piano operativo italiano per le competenze digitali, il tallone d'Achille storico degli italiani e delle Pmi, come rivelano i dati della Commissione europea ogni anno nell'indice Desi.

Un piano “ambizioso”, perché il ritardo è grande e il tempo per colmarlo è poco. Tra cittadini (dove è rilevante anche il divario di competenze delle donne rispetto agli uomini), imprese e pubbliche amministrazioni gli obiettivi da realizzare entro il 2025 puntano ad avere un impatto rilevante per la crescita del nostro Paese. E gli stessi obiettivi del piano sono ambiziosi:

- Raggiungere il 70% di popolazione con competenze digitali almeno di base, con un incremento di oltre 13 milioni di cittadini dal 2019 e azzerare il “divario di genere”.

- Duplicare la popolazione in possesso di competenze digitali avanzate, con il 78% di giovani con formazione superiore dimezzando in questo caso il divario di genere; il 40% dei lavoratori nel settore privato e il 50% di dipendenti pubblici.

- Triplicare il numero dei laureati in Ict e quadruplicare quelli di sesso femminile, duplicare la quota di imprese che utilizza i big data.

- Incrementare del 50% la quota di Pmi che utilizzano specialisti Ict.

- Aumentare di cinque volte la quota di popolazione che utilizza servizi digitali pubblici, portandola al 64% e portare ai livelli dei Paesi europei più avanzati, l'utilizzo di Internet anche nelle fasce meno giovani della popolazione (l'84% nella fascia 65-74 anni).

Consulta la pagina web