Onofrio Bruno, “Nuovo piano d'accoglienza migranti: facciamo scegliere ai cittadini”

“La Gazzetta del Mezzogiorno”, 26 Gennaio 2017, p. X.

Sei in TERMINUS

“La Gazzetta del Mezzogiorno”, 26 Gennaio 2017, p. X.
 Rassegna Stampa Pubblicato il 07/03/2017
Il nuovo piano del Ministero dell'Interno per l'accoglienza dei migranti è ricaduto sulla città di Altamura che, in base alla popolazione, potrebbe ospitare 150 stranieri con i progetti Sprar, presentati su base volontaria. Il movimento “Noi con Salvini” propone un referendum cittadino. Si era tenuta in Prefettura una riunione con i Sindaci dell'Area Metropolitana per chiarire il nuovo piano nazionale, teso ad avere un sistema condiviso con il territorio. Nei prossimi giorni si svolgerà un tavolo di coordinamento regionale per fronteggiare il flusso di cittadini extra-UE. Si prevedono tempi brevi. Il movimento “Noi con Salvini”, rappresentato dal coordinatore locale, Nicola Bove, e dal coordinatore regionale, Rossano Sasso, ha avuto con il sindaco, Giacinto Forte, un incontro, in cui ha confermato il proprio punto di vista che rispecchia quello del leader leghista, Matteo Salvini. Secondo Sasso, la situazione è vergognosa, in quanto ci sono centinaia di cittadini altamurani che stanno per essere sfrattati e lo Stato impone l'accoglienza di 150 clandestini, per cui chiede al sindaco di appoggiarli in difesa del loro territorio. Pertanto è stata proposta l'idea di far decidere gli stessi altamurani sulla questione attraverso un referendum. Al contrario, don Giuseppe Loviglio, responsabile dell'ufficio Migrantes della Diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva, sostiene che siamo tutti fratelli e che i confini non esistono davanti a Dio. Per questo, invita ad aprire le porte, mostrando una grande sensibilità umana. La stessa sensibilità va adottata da associazioni e cooperative che si occupano di accoglienza, con una particolare attenzione alle persone.