Accordo Regioni-AgID per l'attuazione del piano triennale della P.A.

 

Sei in REGIO

 Rassegna Stampa Pubblicato il 30/03/2018
“Un passo in più per il raggiungimento degli obiettivi di Europa 2020”, così Stefano Bonaccini ha commentato l’accordo di collaborazione tra le Regioni e Agenzia per l’Italia digitale (AgID) che ha ricevuto il via libera della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. L’accordo prevede nuovi strumenti condivisi per l’attuazione del Piano triennale per la pubblica amministrazione sui territori ed ha validità triennale. “Con questo testo -aggiunge Bonaccini - si riconosce la possibilità alle Regioni di svolgere un ruolo di coordinamento a livello territoriale per favorire la trasformazione digitale dei servizi pubblici per i cittadini e imprese”. Cinque le aree d’intervento delineate dal Piano triennale: accesso ai servizi, ecosistemi e interoperabilità, piattaforme abilitanti, infrastrutture fisiche, sicurezza, gestione del cambiamento e monitoraggio, comunicazione. L’Accordo quadro definisce un indirizzo comune delle Regioni che troverà una declinazione e una definizione di dettaglio negli accordi territoriali con i quali andrà anche precisato quale livello di funzione di “aggregazione” la Regione vorrà sviluppare nei confronti del territorio e come tale disponibilità sarà riconosciuta dal livello nazionale. Lo scopo è quello di rendere il contesto delle strategie e dell’attuazione in materia di “digitale” più chiaro ed omogeneo, sottolineando il valore di avere una Commissione dedicata all’Agenda Digitale e con essa un coordinamento sulle diverse materie oggetto di lavoro (crescita digitale, banda ultra larga, scuola digitale, etc.). Per agevolare questo percorso, l’accordo stabilisce che AgID metterà a disposizione delle Regioni una serie di strumenti tecnici, di monitoraggio e di governance, tra cui linee guida, regole d’interoperabilità, ambienti di test e simulazione, in sinergia con la strategia digitale nazionale.

http://www.regioni.it/home/digitale-accordo-agid-1867/