Fondi europei per far crescere la «quota Sud» sui nuovi mercati

 

Sei in REGIO

 Rassegna Stampa Pubblicato il 27/09/2018
iccole aree di mercato ancora da esplorare, Paesi “scommessa”, manifestazioni nuove a cui partecipare, nozioni e know how da sviluppare a partire dal digitale. L’ambizioso disegno di far crescere la quota di esportazioni al Sud si concentra su questi obiettivi, utilizzando come leva finanziaria i fondi europei. Sta entrando nel vivo la seconda annualità del “Piano Export Sud II” coordinato dall’Agenzia pubblica Ice. La dotazione complessiva del piano, che si sviluppa su quattro annualità, è di 50 milioni a valere sulle risorse del Programma operativo nazionale Imprese e competitività 2014-2020 Fesr. Le risorse - concentrate su iniziative di promozione e formazione a favore di micro, piccole e medie imprese, startup, consorzi, reti di impresa, parchi tecnologici, centri universitari/incubatori - sono destinate per 43,4 milioni alle cosiddette regioni “meno sviluppate” (Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia) e per 6,6 milioni alle “Regioni in transizione” (Abruzzo, Molise, Sardegna). Aree target: Paesi Ue, Russia e Balcani, Cina e Giappone, Usa e Canada.

https://www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2018-08-28/fondi-europei-far-crescere-quota-sud-nuovi-mercati-174153.shtml?uuid=AEssIQdF